Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA

Gratitudine ed educazione. Un approccio interdisciplinare

Scheda del Volume n. 28torna su

Autore/i: MENEGHETTI Antonella - SPÓLNIK Maria (a cura di)

Titolo: Gratitudine ed educazione. Un approccio interdisciplinare

Città: Roma

Editrice: LAS

Anno: 2012

Pagine: 301


Presentazione:

«Gratitudine ed educazione: un legame fondato e inscindibile.
Il nesso tra i due termini nasce dal fatto che, pur riferendoci all’una o all’altra realtà, in entrambi i casi ci occupiamo di un vissuto genuinamente e squisitamente umano, adatto al singolo e alla convivenza. Non esiste persona abituata a ringraziare senza esserne stata educata e d’altra parte non c’è educazione vera se non quando la si accompagna - con impegno, gradualmente e fin dalla nascita - alla consapevolezza realistica e salutare che nella vita non tutto è dovuto, non si è autosufficienti, si ha bisogno degli altri, fino a quando non si riconosce che i beni e le conquiste di cui usufruiamo oggi sono frutto di lavoro e di lotta, di studio e di ricerca delle generazioni che ci hanno preceduto e a cui, per questo, dobbiamo riconoscenza.
Per capire che cosa significhi per noi oggi gratitudine è d’obbligo ed inevitabile il confronto con le attuali tendenze antropologiche e culturali. [...]
Il volume offre al lettore la possibilità di rileggere la realtà dell’essere grati in stretta connessione con l’educazione e alla luce di alcuni aspetti emergenti nel contesto culturale attuale. [...]
I differenti approcci disciplinari - ognuno con metodo e orizzonte di significato peculiari - contribuiscono a cogliere sfaccettature, risorse e nodi critici dell’esperienza umana dell’essere grati. È questa un vissuto in sé complesso, delicato, misterioso e arduo, visto e giustificato come realtà squisitamente umana, intrinseca alla natura stessa dell’uomo, che necessita di essere educata.
Per questo motivo, al centro di tutta la riflessione e di ogni approccio è posta sempre la persona soggetto di gratitudine, ma anche sua destinataria privilegiata.
L’ideazione e la preparazione della miscellanea ha coinvolto diverse docenti, Figlie di Maria Ausiliatrice e Laiche, ed alcune Studenti della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium», una realtà universitaria che coltiva le scienze dell’educazione nell’ottica dell’umanesimo integrale di san Giovanni Bosco. [...]
Coltivare il sentimento di gratitudine è stata una delle più geniali intuizioni pedagogiche di don Bosco, una sua forza educativa straordinaria.
Oggi raccogliamo la sua eredità, la riconfermiamo come nostra e… "passiamo la parola" a tutti gli educatori e gli appassionati di educazione nello spirito del Sistema preventivo».

(dall’Introduzione)

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain