Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > Laiche e religiose per le strade del mondo

Laiche e religiose per le strade del mondotorna su

Il 19 febbraio, a partire dalle ore 16 si è svolta in Facoltà la tavola rotonda che ha preso l'avvio dal volume curato da Stefania Bartoloni, Per le strade del mondo. Laiche e religiose fra Otto e Novecento (Bologna, Il Mulino 2007), nel quale convergono studi storici molto interessanti su uno spaccato di storia italiana particolarmente significativo.
Il lavoro raccoglie quasi tutti i contributi proposti nel convegno dallo stesso titolo, svoltosi a Roma dal 26 al 27 maggio del 2005.

Per la sua realizzazione hanno collaborato la Società Italiana delle Storiche e il Coordinamento degli Storici Religiosi. Diciannove studiose e studiosi di nove Università, in un confronto fruttuoso, non sempre facile, tra scuole storiografiche, hanno offerto delle ricerche su donne laiche e religiose impegnate nei vasti campi operativi dell’educazione-istruzione, assistenza, emigrazione.
Alla tavola rotonda hanno partecipato l'allora Commissaria della Fondazione CARIPLO, Silvia Costa, attualmente Assessore all'istruzione, formazione e diritto allo studio della Regione Lazio, Giancarlo Rocca, Presidente del Coordinamento degli Storici Religiosi, la Prof.ssa Marcella Farina della Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione Auxilium, il Prof. Luigi Mezzadri della Pontificia Università Gregoriana e della Facoltà della Storia e dei beni culturali della Chiesa.
Vi è stato uno scambio vivace su criteri epistemologici e metodologici della ricerca e sulle possibili prospettive di coinvolgimento delle nuove generazioni. Numerose sono ormai le ricerche sull'attività svolta dalle donne in Italia nei campi dell'educazione, dell'istruzione, dell'assistenza. In tali ambiti, infatti, ha potuto esprimersi l'impegno femminile fra Otto e Novecento, con una partecipazione specifica ai processi di modernizzazione e secolarizzazione, come pure all'iniziativa per "rigenerare" moralmente la società.
La novità di questo volume è nell'impegno assunto dalle Autrici ad evidenziare le diversità, le interazioni, la mutuazione di modelli, le finalità e i risultati raggiunti dalle donne in diversificati campi di azione, spinte tanto da motivazioni di fede quanto da ragioni filantropiche.



Galleria di foto

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain