Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > Ripensare l’umano nella complessità

Ripensare l’umano nella complessitàtorna su

Con gli interventi di Franca Pinto Minerva e Paolo Benanti si apre sabato 20 ottobre il Corso interdisciplinare 2018-2019 su “Apprendere nel tempo della rete. Percorsi per imparare il futuro”

 

Franca Pinto Minerva, Docente emerito di Pedagogia generale all’Università degli Studi di Foggia, e Paolo Benanti, docente all’Università Gregoriana di Roma ed esperto di etica digitale, dialogano attorno a “Ripensare l’umano nella società ipercomplessa”.

La cultura in cui siamo immersi, infatti, vive una fase di trasformazione inedita. La progressiva “biologizzazione delle macchine” e “meccanizzazione degli esseri viventi”, sconvolge categorie antropologiche che credevamo indiscutibili. Rispetto a tali cambiamenti rischiamo di sentirci inadeguati e impreparati a rispondere alle questioni difficili che tali mutamenti pongono. È in gioco il “principio di umanità” e la sua legittimità. Sopravviveremo?

A questa domanda cercheranno di rispondere i relatori, approfondendo il rapporto tra tecnoscienze, nuovo umanesimo e utopia pedagogica nel Digital Age.

Con questo primo appuntamento, si apre il Corso Interdisciplinare 2018-2019, organizzato dalla Facoltà. La tematica scelta si pone in continuità con quella affrontata nello scorso anno accademico. Dopo aver riflettuto sulle opportunità e sui rischi della Rete, sulla consapevolezza e la responsabilità del comportamento nel continente digitale, in questi tre incontri si vuole “fare un passo in più”.

Non solo conoscere, ma “provare a fare”, scoprendo le trasformazioni che l’evoluzione culturale e bio-tecnologica sta producendo nei processi di educazione, formazione, apprendimento, costruzione delle conoscenze.

Il Corso che si svolge presso la sede della Facoltà «Auxilium», dalle 9.15 alle 12.30, si rivolge, oltre che agli studenti e studentesse, docenti e personali tecnico ausiliario della Facoltà, s studenti di altre Università, insegnanti di religione, pedagogisti ed educatori socio-educativi, psicologici dell’educazione, insegnanti di ogni ordine e grado, operatori nella pastorale giovanile, sacerdoti e religiosi, genitori ed educatori e chiunque abbia a cuore l’educazione dei giovani.

 

La Facoltà «Auxilium» è presente nell’elenco degli enti accreditati al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), per questo è possibile, per chi la possiede, utilizzare la Carta del Docente. Per iscriversi nella Piattaforma Sophia (MIUR) ai singoli incontri del Corso interdisciplinare cercare:

* ID 18385:  Ripensare l’umano nella società ipercomplessa (20 ottobre 2018)
* ID 18388:  Il futuro entra in classe: “smontare” e “montare” significati (17 novembre 2018)
* ID 18389:  La cittadinanza digitale (1° dicembre 2018)

 

Prossimamente

Gli altri due incontri del Corso sono:

sabato 17 novembre 2018
Il futuro entra in classe: “smontare” e “montare” significati
Pier Cesare Rivoltella (Docente ordinario di Didattica e Tecnologie dell’Istruzione e dell’Apprendimento presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Fondatore e Direttore del CREMIT, Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’Informazione e alla Tecnologia)

sabato 1° dicembre 2018
Cittadinanza digitale
Pier Cesare Rivoltella (Docente ordinario di Didattica e Tecnologie dell’Istruzione e dell’Apprendimento presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Fondatore e Direttore del CREMIT, Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’Informazione e alla Tecnologia)
Michele Marangio (Docente di Tecnologie dell’Istruzione e dell’Apprendimento presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, membro del CREMIT, Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’Informazione e alla Tecnologia)

 

Programma

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain