Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > Gender-genere: storia e attualità di una teoria

Gender-genere: storia e attualità di una teoriatorna su

Corso interdisciplinare "Gender. Confronto tra umanesimi"Sarà la Prof. Maria Luisa di Pietro, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, ad inaugurare, sabato 15 novembre 2014, il Corso Interdisciplinare sul tema: «Gender. Confronto tra umanesimi».

Un tema di grande attualità, che la Prof. Di Pietro affronterà nella sua lezione dal titolo: «Gender-genere: storia e attualità di una teoria». A partire da alcune chiarificazioni dei termini in questione, la docente affronterà il tema del genere come “costruzione psichica”, “costruzione storico-sociale”, con un riferimento al femminismo, e come “costruzione individuale”, approfondendo al riguardo la teoria del genere. Concluderà il suo intervento accennando ad alcune ricadute del tema sul piano «politico», soffermandosi in particolare sulla questione antropologica.

È questa la “chiave di lettura” del suo intervento, in quanto pur adottando alcuni criteri di interpretazione basati su metodi, tecniche, approcci filosofici e teologici è importante integrare e gerarchizzare i differenti punti di vista attorno al valore di riferimento che è la persona.

«La persona – precisa la Prof. Di Pietro -, non può esaurire in sé tutto l’essere umano: la donna e l’uomo avranno sempre di fronte a sé l’altro modo di esserlo (l’uomo per la donna; la donna per l’uomo). La differenza sessuata infatti pervade non solo ogni cellula dell’essere umano, ma tutta l’esperienza e l’autocoscienza del soggetto, per questo il fondamento comune della “realtà-donna” e della “realtà-uomo” è “l’essere persona”, ovvero sinolo di anima e corpo. Il corpo è segnato - fin dall’origine - dalla differenza sessuale che risulta radicata nella struttura d’essere della persona, di cui l’uomo e la donna costituiscono la differente ed ugualmente umana attuazione. Non dunque una differenza della donna dall’uomo, ma due modalità differenti di manifestare la comune realtà personale. L’uomo e la donna infatti sono due “identità differenti” e non due “uguaglianze diverse”».

Ed è proprio l’“identità differente” ad essere esplorata, fino ad affermare una visione e valorizzazione positive: «L’identità differente non solo non minaccia la dignità dell’uomo o della donna, ma porta a riflettere sul fondamento comune del differire, al di là dei ruoli e delle funzioni che possono essere attribuiti all’uno e all’altra. È un’identità differente che, nel comune fondamento “personale”, fa sì che l’uomo e la donna siano soggetti di pari dignità; che deve portare la donna a realizzarsi non attraverso modelli maschili, ma attraverso la ricerca del proprio specifico femminile; che porta alla realizzazione di sé nell’apertura all’altro/a, in una relazione interpersonale che diventa capacità di dono e di amore».

L’obiettivo del Corso è offrire criteri interpretativi sulla complessa questione gender per individuare percorsi di crescita nella costruzione dell’identità maschile e femminile.

Per questo, sono particolarmente invitati a partecipare docenti e studenti della Facoltà e di altre Università, educatori e formatori, operatori di pastorale familiare e giovanile, e quanti sono interessati alla tematica e si dedicano all’arte di educare.

Il Corso è articolato in tre incontri che si tengono il sabato mattina dalle 9.00 alle 12.30.

Gli altri incontri programmati sono:

sabato 22 novembre 2014
«Identità sessuale. Dai geni al cervello»
Prof. Massimo Gandolfini
(Università Cattolica del Sacro Cuore)

sabato13 dicembre 2014
«Processi di costruzione dell’identità sessuale in un contesto di “identità liquida”»
Prof.ssa Pina Del Core
(Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium»)

 

Programma

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain