Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > Corso di aggiornamento per Insegnanti di religione

Corso di aggiornamento per Insegnanti di religionetorna su

Con il saluto di S.E. Mons. Gino Reali, Vescovo della Diocesi di Porto-Santa Rufina, e la presentazione della Prof. Maria Luisa Mazzarello, Docente di Didattica della Religione alla Facoltà «Auxilium» e Direttrice dell’Ufficio Scuola della stessa Diocesi, sabato 15 settembre alle ore 9.00 presso l’Aula Magna della Facoltà, inizia il Corso di formazione permanente e di aggiornamento per l’anno 2012-2013.

La prima lezione frontale sarà tenuta dal Prof. José Luis Moral, Docente di Pedagogia religiosa all’Università Pontificia Salesiana, che affronterà il tema: «Il Concilio Vaticano II: una visione generale dell’evento e del processo».

Organizzato, come sempre, dall’Ufficio Scuola della Diocesi di Porto-S. Rufina in collaborazione con la Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium», il Corso indirizzato a circa 160 Insegnanti di religione tratta un tema di grande spessore culturale: “Il Concilio Vaticano II. Cinquant’anni dopo”. Inserendosi nelle numerose iniziative che la Chiesa e la società si preparano a vivere nell’anniversario della sua apertura (11 ottobre 1962), i partecipanti potranno rileggere l’evento del Concilio nella sua ispirazione originaria e comprendere più profondamente i grandi temi della vita e della missione della Chiesa per riscoprire il perenne depositum fidei, ma anche il modo più adeguato per comunicarlo all’uomo del nostro tempo. La categoria dei “segni dei tempi”, quali luoghi teologici del dialogo Chiesa-mondo, sta proprio ad indicare l’urgenza dell’inculturazione del Vangelo nella contemporaneità.

Il percorso comprende una contestualizzazione storica dell’evento conciliare e della sua recezione per poi soffermarsi sulle Costituzione Gaudium et Spes, e Lumen Gentium e, infine, considerare la storia di Dio con l’uomo attraverso le Costituzioni sulla rivelazione e la liturgia (Dei Verbum e Sacrosanctum Concilium). Il filo rosso dell’intero percorso formativo va individuato nel rapporto fede-cultura, comprensivo delle grandi questioni teologiche e antropologiche dell’oggi.

Al termine del Corso i partecipanti saranno in grado di:

  • conoscere i grandi temi conciliari e comprendere sempre meglio la dimensione ecclesiale dell’Irc presente nelle Indicazioni nazionali;
  • individuare problemi e cercare risposte attinenti al rapporto fede-cultura nella prospettiva del Concilio Vaticano II;
  • cogliere dal messaggio conciliare aspetti significativi da tradurre in operatività didattica, condividendo progettazione ed esiti nel proprio laboratorio;
  • gestire con competenza la progettazione annuale, ponendo attenzione al corretto uso delle fonti della Rivelazione e attenzione alla tradizione scritta e visiva riguardante la tematica della Chiesa.

Il corso si inserisce nella scuola, luogo di elaborazione e trasmissione della cultura, e offre agli insegnanti elementi importanti per orientare la crescita umana e religiosa degli alunni secondo i Traguardi per lo sviluppo delle competenze del 1° ciclo e le Indicazioni del 2° ciclo). Si intende così contribuire alle iniziative di formazione permanente degli insegnanti, attraverso lezioni frontali e attività laboratoriali, in linea con le riforme ai sensi dell’art. 2 comma 7 della Direttiva n. 305 del 1° luglio 1996 e della Direttiva n. 156 del 26 marzo 1998.

 

Dépliant e Programma
Articolo ML Mazzarello)

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain