Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > Per una antropologia cristiana interdisciplinare interculturale

Per una antropologia cristiana interdisciplinare interculturaletorna su

«Abbiamo bisogno di acquisire delle competenze per affrontare le problematiche antropologiche attuali, per evangelizzare facendo cultura, per aiutare i giovani, curare le famiglie, la società. Il Vangelo scelto come criterio ermeneutico, non va solo accolto e custodito, ma coltivato scientificamente. Va fatto interloquire con il contesto attuale». Con queste parole, che stimolano a prendere coscienza della novità con cui si presenta oggi la questione antropologica, la Prof. Marcella Farina, Docente di Teologia fondamentale, ha proposto alcune acquisizioni e prospettive al termine del Seminario di studio Filialità. Categoria che interpella l’identità delle fma, che si è svolto dal 23 settembre al Salesianum di Roma.

Secondo la Prof. Farina, il Seminario ha avviato un processo di riflessione critica e di consapevolezza che si traduce nell’impegno di offrire un apporto specifico nell’orizzonte della nuova evangelizzazione.

«È importante - ha proseguito - continuare a studiare in modo interdisciplinare e fare in modo di intervenire nei luoghi e negli spazi, anche a livello giuridico, dove si decide, spesso sconvolgendola, l’esperienza umana». L’appello è dunque a elaborare una antropologia cristiana interdisciplinare interculturale, perché è lì che la “filialità” assume una forza profetica singolare, in quanto emerge la centralità dell’Unico, la sua prossimità-solidarietà, rivelazione dell’amore senza limiti della Trinità.

In fondo, ha concluso «la creatura umana è un mistero, non un enigma, un mistero custodito gelosamente da Dio per cui nessuna forza può eliminare il suo progetto d’amore. Su nessuna creatura si può scrivere fine, ma su tutte e ciascuna amore».

Anche Madre Yvonne Reungoat, Superiora generale dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice e Vice Gran Cancelliere della Facoltà, ha auspicato che un atteggiamento costante di ricerca aiuti a lasciarsi «interpellare criticamente dalla cultura attuale, dai bisogni educativi dei giovani, delle donne, delle famiglie, vivendo l’ascolto che permette di potenziare la cultura dell’incontro a tutti i livelli».

Si tratta di fermare il processo per cui il «nostro tempo tende a smarrire la filialità: non vuole alcuna dipendenza, vuole l’autonomia più assoluta. Oggi molti genitori ed educatori, disorientati e scoraggiati sono tentati di rinunciare al compito di padri/madri; pertanto sono sempre più numerosi i bambini e i giovani che si sentono orfani». L’assunzione della dimensione filiale e fraterna apre a prospettive di gratuità, di maternità educativa, nella capacità di donarsi, di generare, di sentirsi responsabili gli uni degli altri: «la persona - ha continuato - cresce nella relazione del dono di sé e della buona reciprocità, una condizione fondamentale per costruire quel tessuto umano, senza il quale il futuro appare pieno di interrogativi e di incognite».

Sono giunti così al termine i lavori del Seminario di studio, che ha impegnato nella riflessione più di 200 partecipanti, educatrici provenienti da diversi contesti culturali, con l’obiettivo di ricomprendere la genuina identità della persona e della famiglia umana; individuare percorsi educativi che chiariscano l’essere “creature” interdipendenti e motivino il senso dell’essere generati e del generare; approfondire la dimensione della filialità che è via alla fraternità.

Il 27 settembre, con il coordinamento della Prof. Rosangela Siboldi, docente di Teologia pastorale alla Facoltà, si è svolta la sessione laboratoriale, con l’obiettivo di focalizzare l’apporto della filialità mariana nella promozione della formazione e dell’educazione evangelizzatrice nelle varie situazioni esistenziali. Le partecipanti hanno individuato alcune idee forza generatrici di un’azione formativa e pastorale qualificata e hanno cercato di tradurle in orientamenti per percorsi formativi ed educativi specifici, atti ad avviare processi in ordine allo sviluppo della personalità cristiana.

 

Galleria di foto


Programma del Convegno

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain