Scienze dell'Educazione, Scienze Pedagogiche, Educatore Professionale socio-pedagogico, Laurea Magistrale, Psicologia dello Sviluppo, Pastorale Giovanile, Scienze Religiose ISSR, Insegnare Religione,

Sai quali sono le pagine più ricercate nel nostro sito?

ENGITA
Home > Archivio Notizie > Comprendere l'altro: stereotipi e pregiudizi

Comprendere l'altro: stereotipi e pregiudizitorna su

La prof. Milena Stevani, docente di Psicologia dinamica e delle relazioni interpersonali presso la Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione Auxilium, è intervenuta nel quarto incontro del Corso interdisciplinare con una relazione sul tema: Comprendere l'altro: stereotipi e pregiudizi.

Numerosi i partecipanti che hanno affollato l'Aula Magna Giovanni Paolo II della Facoltà.
L'obiettivo dell'appuntamento odierno era confrontarsi con la realtà degli stereotipi e dei pregiudizi per affrontarli.
A partire da una lettura psicosociale, la relatrice ha guidato l'assemblea ad accostarsi alla complessità dell'atteggiamento del pregiudizio, ad acquisire la consapevolezza della molteplicità delle cause, delle funzioni psicologiche e dei processi cognitivi sottostanti.
Dopo aver chiarito lo stereotipo come la componente percettiva cognitiva del pregiudizio, la docente ha presentato alcune interpretazioni del fenomeno nelle relazioni intergruppi. Da questa prospettiva, ha offerto spunti per la comprensione dell'altro ed alcune condizioni indispensabili da creare per una relazione significativa tra gruppi diversi.
La relatrice ha concluso il suo intervento indicando i percorsi da attivare per un'educazione interculturale adeguata.

In seguito, si sono realizzati i laboratori dove i partecipanti hanno potuto prendere consapevolezza dei propri e degli altrui pregiudizi attraverso una dinamica costruita per l'occasione. La partecipazione attiva e la risonanza in assemblea hanno rivelato ancora una volta l'interesse per il tema, il desiderio di migliorarsi personalmente e soprattutto l'impegno di comprendere l'altro per una convivenza pacifica e fraterna.

L'educazione dell'uomo è un risveglio umano

Jacques Maritain